FESTIVAL PROGRAM

Thursday 5 July

22.00: Historical Center – Festival opening concert‘The Secular Gospel’ of Fabrizio De Andrè, storytelling show and music by Guido Maria Grillo

 

Friday 6 July

15.30- 18.30 – Fedro Media Library: Block C

20.45-22.15 – Piazzale Nugent: Block A

21.00-22.30 – Sala Arenacea: Block D

22.30 – Sala Arenacea: Lucan director Nicola Ragone presents and shows two of his latest works

 

Sabato 7 July

10.00-11.00 – Bar Ducale, Breakfast with the directors: the directors meet the audience for breakfast and talk to discuss the films shown the day before

15.30-18.30 – Mediateca Fedro: Block E

20.45-22.15 – Piazzale Nugent: Block B

20.45-21.00 – Sala Arenacea: Block F

21.00 – Sala Arenacea: A look at Maori cinema: the director Renae Maihi presents her works

23.30 – Piazzale Nugent: Illachime Quartet: live soundtrack of “E ‘Piccerella (1921) by Elvira Notari, the first Italian film director

 

Sunday 8 July

10.00-11.00 – Arenacea Terrace, Breakfast with the directors: the directors meet the public at breakfast and talk to discuss the films shown the day before

15.00 – 15.40 – Mediateca Fedro: Extra event, prequel to the story of Espoir: A Togolese on the Moon and The skin of the chameleon in the electoral campaign.

15.40-18.00 – Media Library Fedro: Block G

20.30-23.00 – Sala Arenacea: Block H

23.00 – Sala Arenacea: Winners

23.30 – Sala Arenacea Kerlox Dynamic – La Fatica Delle Mani – Performance of live soundtrack of documentaries by Vittorio De Seta

Following Kerlox Dynamic closes the festival.

 

 

Blocks

 

Blocco A (100’)

Pulse, 26’ – Robin Pertré, Hungary

Dance Hall Land, 73’ – Alessandro Stevanon, Italy

 

Blocco B (100’)

Faber Navalis, 30’ – Maurizio Borriello, Italy

The First Daughter, 20’ – Vladimir Di Prima, Italy

Ritratti in Malaga, 50’ – Michele Trentini, Italy

 

Blocco C  (190’)

Meerim, 50’ – Aleksandra Rechkalova, Russia

Hello, 21’ – Abhijit Patro, India

Dye=, 42’ – Sandip Basu, India

This Evening  my hearts beats, 50’ –Rémi Jennequin, France

Faber Navalis, 30’ – Maurizio Borriello, Italy

 

Blocco D (90’)

Be Jam Be, 85’ – Caroline Parietti and Cyprien Ponson, Switzerland/Belgium

 

Blocco E (160’)

Bubby and Them, 19’ – Hazel Field and Mx.Enigma, USA

Half Man, Half Ghost, 30’ – Davi Pretto, Brasil

As we Dig, 90’ – Guldem Durmaz, Belgium

Pulse, 26’ – Robin Pertré, Hungary

 

Blocco F (18’)

Palas Salt Worker, 18’ – Ozcan Gurbuz, Turkey

 

Blocco G  (120’)

Lighthouse, 15’ – Itay Akirav, Israeli

The Monk, 12’ – Zharko Ivanov, Macedonia

A Thousand Girl Like Me, 76’ – Sahara Mani, Afghanistan

The First Daughter, 20’ – Vladimir Di Prima, Italy

 

Blocco H (150’)

Girls of Uchituu, 28’ – Helena Salguero Vélez, Columbia

Roshmia, 70’ – Salim Abu Jabal, Palestine

Feeling Station, 25’ – Martin Neveu, France

The Day Before chinese NY, 23’ – Lam Can-zhao, China

 

 

Block A

 

Pulse, 26’ – Robin Pertré, Hungary

Synopsis
One of Europe’s largest deer farms lies hidden in the hills of southern Hungary and is home to more than 1,500 strong red deer. The animals are essentially still wild. They were first caught in the forest and brought to the farm only 25 years ago – and the handling of them is still a physical conflict between man and animal.

Pulse, 26’ – Robin Pertré, Ungheria

Sinossi
Uno dei più grandi allevamenti di cervi in Europa si cela tra le colline del sud dell’Ungheria e ospita oltre 1.500 cervi nobili. Gli animali sono essenzialmente ancora selvaggi. I cervi sono stati catturati nella foresta e portati alla fattoria solo 25 anni fa – e il lavoro  di allevamento è ancora un conflitto fisico tra uomo e animale.

 

 

Dance Hall Land (Sagre Balere), 73’ – Alessandro Stevanon, Italy

Synopsis
Omar was born in the suburbs of Milan and was destined to be an auto bodyworker, but, instead, he became a successful ballroom singer. He got inspired by listening to ballroom singers at Angelo Zibetti’s Studio Zeta, the biggest dance club in Italy at that time and, this way, he later started his own career.  After about a decade working as a singer, he finally met Adele, the love of his life, who became his manager, turned him into a real icon for the fans of ballroom music. Thus he has become the man who could gather enormous crowds of audience at clubs, squares, and local festivals.  The film tells the story of Omar and shows him, in his 20th year of career with his band, as we travelled together with him in their long tour around many Northern regions of Italy. A life in and out of the spotlight, mirror of a marginal and somehow old fashioned Italy,  that is probably destined to disappear for good.

Dance Hall Land (Sagre Balere), 73’ – Alessandro Stevanon, Italia

Sinossi
Omar, nato nella periferia milanese, era destinato a una carriera da carrozziere ma invece è diventato un cantante di liscio di successo. L’ispirazione arrivò ascoltando il cantante di liscio dello Studio Zeta di Angelo Zibetti, la più grande discoteca/sala da ballo in Italia all’epoca, dove più tardi iniziò la sua carriera. Dopo un decennio da cantante di liscio, Omar incontrò Adele, l’amore della sua vita, che diventò anche sua manager e lo trasformò in una vera icona per i frequentatori delle sale da ballo. Così divenne un personaggio in grado di radunare enormi folle in locali, piazze e feste di paese. Il documentario racconta la storia di Omar e lo mostra nel ventesimo anno di carriera con la sua band, nel tour durante il quale abbiamo viaggiato insieme attraverso molte regioni del Nord Italia. Una vita sotto i riflettori ma anche lontano dallo star system, specchio di un’Italia “vecchio stile” e forse marginale, probabilmente destinata a scomparire presto.

 

 

Block B

 

Faber Navalis, 30’ – Maurizio Borriello, Italy

Synopsis
Faber Navalis is Latin for Boatbuilder: words in an ancient language for describing an ancient profession. It might seem just a video about the restoration of a wooden ship, but the actual subject of this documentary-film is the state of mind of its shipwright: an Italian researcher in maritime ethnography who decided to learn boat building skills in order to understand the intangible knowledge hidden behind the construction of a wooden ship. This film is an experiment in autobiographical ethnography in which the shipwhright is also the filmmaker, at the same time director and directed, both silent artisan and self-aware documentarist: a combination of aesthetics and ethnography which attempts to bring out an inner dimension that may only with difficulty, if it all, be rendered with propositional prose.

Faber Navalis, 30’ – Maurizio Borriello, Italia

Sinossi
Faber Navalis è , in latino, il Costruttore di barche: parole in una lingua antica per descrivere una professione antica. Potrebbe sembrare solo un video sul restauro di una barca di legno, ma il reale soggetto del documentario è lo stato d’animo del maestro d’ascia: un ricercatore italiano di etnografia marittima che decide di imparare a costruire barche per comprendere il bagaglio di conoscenza intangibile che si cela nella costruzione di una barca di legno. Questo film è un esperimento di etnografia autobiografica nel quale il maestro d’ascia è anche il filmmaker, allo stesso tempo regista e interprete, artigiano silenzioso e contemporaneamente  documentarista attento: una combinazione di estetica ed etnografia che cerca di portare in luce una dimensione intima che difficilmente potrebbe essere espressa in una prosa argomentativa.

 

 

The First Daughter, 20’ – Vladimir Di Prima, Italy

Synopsis
In a village overlooking the sea of ​​Sicily, an old lady, every day from 65 years, travels the same road that leads her from the house to the sea and from the sea to the small cemetery of the village.

The First Daughter, 20’ – Vladimir Di Prima, Italia

Sinossi
In un paesino sul mare siciliano una signora anziana da 65 anni tutti i giorni percorre sempre la stessa strada che da casa porta al mare e dal mare al piccolo cimitero del paese.

 

 

Ritratti in Malaga, 50’ – Michele Trentini, Italy

Synopsis
Cesen Massif, Treviso Pre-Alps. Not far from the famous prosecco lands, some people  still produce quality cheeses working raw milk in small malghe,  once active all over the territory. These places and products represent an alternative to the homologation of taste and the abandonment of mountain pastures. The documentary film observes the daily work of the Malghese, the pasture, the milking, the realization of dairy products (butter, cheese and ricotta) and puts in the foreground the story of the protagonists: Ferruccio, Ruggero, Silvio, Serena and Gildo.

Ritratti in Malaga, 50’ – Michele Trentini, Italia

Sinossi
Massiccio del Cesen, Prealpi Trevigiane. Non lontano dalle rinomate terre del prosecco alcune persone producono formaggi di qualità lavorando latte crudo presso piccole malghe un tempo attive su tutto il territorio. Queste rappresentano un’alternativa all’omologazione del gusto e all’abbandono dei pascoli montani. Il film documentario osserva il lavoro quotidiano dei malghesi, il pascolo, la mungitura, la realizzazione dei prodotti caseari (burro, formaggio e ricotta) e mette in primo piano il racconto dei rotagonisti: Ferruccio, Ruggero, Silvio, Serena e Gildo.

 

 

Block C

Meerim, 50’ – Aleksandra Rechkalova, Russia

Synopsis
Story of Gulnara, mother of 142 children, who is being sued by union officials’ for child trafficking, sexual and labour exploitation. The object of the claim is the Issyk-Ata resort property, famous for its healing mineral geothermal hot springs, which was donated to Gulnara’s orphanage by businessman Afanasy in the 90s, who then renounced the world to enter a convent for personal reasons.

Meerim, 50’ – Aleksandra Rechkalova, Russia

Sinossi
Storia di Gulnara, madre di 142 bambini, che è stata citata in giudizio dai servizi sociali per tratta di bambini, sfruttamento sessuale e lavorativo. L’oggetto del reclamo è la proprietà del resort Issyk-Ata, famosa per le sue sorgenti termali geotermiche curative, che è stata donata all’orfanotrofio di Gulnara dall’uomo d’affari Afanasy negli anni ’90, poco prima di rinunciare al mondo ed entrare in un convento per motivi personali.

 

 

 

Hello, 21’ – Abhijit Patro, India

Synopsis
Hello is a twenty minute ethnographic documentary film about the daily activities and customary practices of the Adivasi group – the Santhals – dwelling in the area in and around Jharkhand, India. The film is shot in their language, Santhali, depicting a variety of customs; traditional arts and crafts that this tribe is involved with – also showing aspects of their lives such as birth, their means of survival, the education system and their cultural activities.

Hello, 21’ – Abhijit Patro, India

Sinossi
Hello è un film documentario etnografico di venti minuti sulle attività quotidiane e sulle pratiche tradizionali del gruppo Adivasi – i Santhals – che vivono nella zona di Jharkhand, in India. Il film è girato nella loro lingua, Santhali, e presenta una varietà di usanze, arti e mestieri tradizionali – mostrando anche aspetti della vita come la nascita, i mezzi di sopravvivenza, il sistema educativo e le attività culturali.

 

 

Dye=, 42′ – Sandip Basu, India
(sub ita)

Synopsis
The humming, as one reminisces, the wailing is heard when the weavers go on speaking. They do have all the stock of stories to tell about their past happiness and the pride they used to take in their profession earlier while their present standard of living does provide a study in contrast. Starvation they earn and death they live for. It is more impersonal than death of individual, as it speaks of extinction of a particular class of artisans who happen to be the descendants of those who made a mark in the history of civilization by installing the sense of modesty and weaving clothes to put an end to our going bare – bodied. Hence endangered is a particular class of artistry as weavers are, in growing number, changing their profession and working as day labourers for subsistence.

Dye=, 42 – Sandip Basu, India
(sottotitoli in italiano)

Sinossi
Il mormorio, come di qualcuno che si abbandona ai ricordi, si trasforma in lamento mentre i tessitori continuano a parlare. Hanno tutta una serie di storie da raccontare sul tempo in cui erano felici e orgogliosi della propria professione, mentre il loro attuale tenore di vita fornisce un quadro in netto contrasto. Guadagnano da fame e vivono per morire. È una situazione più impersonale della morte individuale, si parla dell’estinzione di una particolare classe di artigiani che altri non sono se non i discendenti di coloro che hanno segnato la storia della civiltà instillato il senso del pudore e, tessendo stoffe per vestiti, hanno messo fine all’era della nudità. Inoltre in via di estinzione è una particolare forma di artigianato, in quanto i tessitori, in numero crescente, stanno abbandonando la loro professione e cercando piuttosto lavori a giornata per la sussistenza.

 

 

This Evening My Hearts Beat, 50’ – Jennequin Rémi, France
(sub ita)

Synopsis
“Who are the people who tell me how to live? Who are the people who tell me that cigarettes are going to kill me? Will they eternally live? Let them leave me alone, I can die any moment.” Espoir, Togo, 2015. This film sketches the rough path of an adolescence trying not to lose control.

This Evening My Hearts Beat, 50’ – Jennequin Rémi, Francia
(sottotitoli in italiano)

Sinossi
“Chi sono le persone che mi dicono come vivere? Chi sono le persone che mi dicono che le sigarette mi uccideranno? Vivranno eternamente? Meglio che mi lascino in pace, posso morire da un momento all’altro.” Espoir, Togo, 2015. Questo film cerca di tracciare il difficile percorso di un’adolescenza senza perdere il controllo.

 

 

Block D

 

BE’ JAM BE the never ending song, 85’ – Caroline Parietti and Cyprien Ponson, Switzerland/Belgium
(sub ita)

Synopsis
In Sarawak, one of the two Malay states on the island of Borneo, “the ones who live upstream” are the first affected by the deforestation. The Penan, once a nomadic people, are caught today in the eye of the storm : how to go on living when one’s entire world is being taken apart, when the landscape, which brought meaning to existence, literally disappears and with it language, customs and the spirits?

BE’ JAM BE the never ending song, 85’ – Caroline Parietti and Cyprien Ponson, Svizzera/Belgio
(sottotitoli in italiano)

Sinossi
A Sarawak, uno dei due stati malesi nell’isola del Borneo, “quelli che vivono a monte” sono i primi colpiti dalla deforestazione. I Penan, un tempo popolo nomade, oggi sono nell’occhio del ciclone: ​​come continuare a vivere quando il mondo intero viene smantellato, quando il paesaggio, che ha dato significato all’esistenza, scompare letteralmente e con esso il linguaggio, i costumi e gli spiriti?

 

 

Block E

 

Bubby & Them, 19’ – Hazel Field and Mx.Enigma, USA

Synopsis
Bubby & Them is a docufictional short video about the relationship between two liminal members of the Lower East Side Orthodox Jewish community: Je’Jae, a genderqueer college student, and Razi, their adoptive grandmother. The movie examines how the two femmes support each other in their struggles, share space, and create a chosen family.

Bubby & Them, 19’ – Hazel Field and Mx.Enigma, USA

Sinossi
Bubby & Them è un cortometraggio documentario sulla relazione tra due membri emarginati della comunità ebraica ortodossa del Lower East Side: Je’ae, uno studente universitario queer, e Razi, la sua nonna adottiva. Il film esamina come le due femme si supportano a vicenda nelle loro lotte, condividono lo spazio e creano una famiglia d’elezione.

 

 

Half Man, Half Ghost, 30’ – Davi Pretto, Brasil

Synopsis
The whole life of man is but a point in time.  “Half Man, Half Ghost” is the latest exploration by Davi Pretto after his first feature-film “Castanha”.  Pretto shows us an old man’s slow disappearing process, in a far and remote area in the south of Brazil.
A man that represents an old style of men that inhabited this region, but no longer exists. Somewhere between an ethnographic documentary and a fantasy, a journey into darkness and oblivion.

Half Man, Half Ghost, 30’ – Davi Pretto, Brasile

Sinossi
L’intera vita dell’uomo non è che un punto nel tempo. “Half Man, Half Ghost” è l’ultima esplorazione artistica di Davi Pretto dopo il suo primo lungometraggio “Castanha”.
Pretto ci mostra il lento processo di scomparsa dell’anziano Fabricio, in un’area lontana e remota nel sud del Brasile. Un uomo che è l’ultimo rappresentante di una vecchia stirpe di uomini che abitavano questa regione, ma che si estinguerà con lui. A metà strada tra un documentario etnografico e una fantasia, un viaggio nell’oscurità e nell’oblio.

 

 

As We Dig, 90’ – Guldem Durmaz, Belgium
(sub ita)

Synopsis
A woman of Turkish ascent, following ancient anatolian healing rites, dreams her way through fragments of memory, both personal and collective. Guided by a mythological character, Kheiron the Centaur, she travels freely between the ruins of an ancient Roman hospital and the streets of a mountain village, high above the river Euphrates. Time and space become dislocated, opening up passages between worlds. An inner experience translated into a film poem, Kazarken explores memory as a place of struggle against oblivion and the violences of hidden history.

As We Dig, 90’ – Guldem Durmaz, Belgio
(sottotitoli in italiano)

Sinossi
Una donna di origini turche, seguendo antichi riti anatolici di guarigione, sogna la sua strada attraverso frammenti di memoria, sia personali che collettivi. Guidata da un personaggio mitologico, Kheiron il Centauro, la protagonista si sposta liberamente dalle rovine di un antico ospedale romano alle strade di un villaggio di montagna, sopra il fiume Eufrate. Il tempo e lo spazio diventano mutanti, aprendo passaggi tra mondi. Un’esperienza interiore tradotta in un poema cinematografico, Kazarken esplora la memoria come luogo di lotta contro l’oblio e le violenze della storia negata.

 

 

Block F

Palas’s Salt Workers, 18’ – Ozcan Gurbuz, Turkey

Synopsis
It is the daily life of the workers who produce salt by traditional methods from a small crater lake in the middle of Anatolia.

Palas’s Salt Workers, 18’ – Ozcan Gurbuz, Turchia

Sinossi
Il documentario racconta la vita quotidiana dei lavoratori che estraggono il sale secondo i metodi tradizionali da un piccolo lago in un cratere in Anatolia.

 

Block G

Lighthouse, 15’ – Itay Akirav, Israeli

Synopsis
Abu-George (72), wakes up in his new home in Lod(Lydda) to another gray morning, And takes a bus to Jaffa, to His childhood neighborhood. During the day, we will discover what he left behind and what he would never be able to.

Lighthouse, 15’ – Itay Akirav, Israele

Sinossi
Abu-George (72 anni), si sveglia nella sua nuova casa a Lod (Lydda) in un’altra mattinata grigia, e prende un autobus per Jaffa, nel suo quartiere d’infanzia. Durante la giornata scopriremo cosa ha lasciato e cosa non sarebbe mai stato in grado di fare.

 

 

The Monk, 12’ – Zharko Ivanov, Macedonia

Synopsis
In a small monastery, hidden in the rocky mountains along a lake far from civilization, a lonesome young monk paints frescos of saints on the walls. On a quiet sunny day, while fishing in his small rowboat in the middle of the lake, he suddenly hears voices. Is his conscience being tested? Is he being tempted?

The Monk, 12’ – Zharko Ivanov, Macedonia

Sinossi
In un piccolo monastero, nascosto tra montagne pietrose lungo un lago, lontano dalla civiltà, un giovane monaco solitario dipinge affreschi di santi sulle pareti. In una tranquilla giornata di sole, mentre pesca nella sua piccola barca a remi in mezzo al lago, sente improvvisamente delle voci. La sua coscienza è messa alla prova? Viene tentato?

 

 

A Thousand Girls Like Me, 76’ – Sahara Mani, Afghanistan

Synopsis
When a 23-year-old Afghan woman, Khatera, confronts the will of her family and the traditions of her country to seek justice for years of sexual abuse from her father, she sheds light on the faulty Afghan judicial system and the women it rarely protects. One woman’s obstinate battle to make her voice heard demonstrates the power of action over fear, documented by an Afghan filmaker.

A Thousand Girles Like Me, 76’ – Sahara Mani, Afghanistan

Sinossi
Quando una donna afgana di 23 anni, Khatera, sfida la volontà della sua famiglia e le tradizioni del suo paese per cercare giustizia per gli anni di abusi sessuali da parte di suo padre, mette in luce alcuni difetti importanti del sistema giudiziario afgano che raramente protegge le donne. L’ostinata battaglia, documentata da un regista afgano, di una donna per far sentire la sua voce che dimostra il potere dell’azione sulla paura.

 

 

Block H

Girls of Uchituu, 28’ – Helena Salguero Vélez, Columbia
(sub ita)

Synopsis
Sonia and Yelitza are two indigenous girls that grow under the influence of a foreign world that threatens the permanence of their ancestral wayuu traditions.

Girls of Uchituu, 28’ – Helena Salguero Vélez, Colombia
(sottotitoli in italiano)

Sinossi
Sonia e Yelitza sono due ragazze indigene che crescono sotto l’influenza di un mondo straniero che minaccia la sopravvivenza delle loro ancestrali tradizioni wayuu.

 

 

Roshmia, 70’ – Salim Abu Jabal, Palestine
(sub ita)

Synopsis
An elderly Palestinian couple in a final standoff with the israeli authorities to maintain their lifestyle in Roshmia; the last natural valley in Haifa. Yousef and his wife Amna, who originally descents from the Gypsies of Palestine, have lived in a shack all alone in their eighties since 1956 in what seems to be a life of serenity; far away from the loudness of modern life. Life remains peaceful in Roshmia until the israeli authorities endorse a new road project and order to confiscate their land, demolish the shack and throw them out. A friend of the couple tries to secure a compensation from the municipality but the shack is Yousef’s home that he insists on keeping; living in bliss and comfort as ever, however the negotiations continue and tension grows among the three. Furthermore, and besides the physical displacement and despair they are nearly facing, Yousef and Amna are about to go on separate ways.

Roshmia, 70’ – Salim Abu Jabal, Palestina
(sottotitoli in italiano)

Sinossi
Un’anziana coppia palestinese nello stallo finale con le autorità israeliane per mantenere il loro stile di vita in Roshmia; l’ultima valle naturale di Haifa. Yousef e sua moglie Amna, che originariamente discendono dagli zingari della Palestina, ottantenni, vivono in una baracca da soli dal 1956, quella che sembra essere una vita di serenità; lontano dal frastuono della vita moderna. La vita resta pacifica a Roshmia finché le autorità israeliane non approvano un nuovo progetto di strada e ordinano di confiscare la loro terra, demolire la baracca e buttarli fuori. Un amico della coppia cerca di ottenere un risarcimento dal comune, ma la baracca è la casa di Yousef e lui insiste a mantenerla; vivendo in serena tranquillità come sempre, i negoziati continuano e nonostante tutto cresce la tensione. Inoltre, e oltre allo spostamento fisico e alla disperazione che stanno per affrontare, Yousef e Amna stanno per prendere strade separate.

 

 

Feeling Station, 25’ – Martin Neveu, France

Synposis
Matt is a young skater and musician who is in a band with his best friends Elliot, Chris and Joe. Like a lot of boys of his age he feels stuck in the education system and is bored of the conventional path of society.

Feeling Station, 25’ – Martin Neveu, Francia

Sinossi
Matt è un giovane skater e musicista che è in una band con i suoi migliori amici Elliot, Chris e Joe. Come molti ragazzi della sua età, si sente bloccato nel sistema educativo ed è annoiato dal percorso convenzionale della società.

 

 

The Day Before Chinese New Year, 23’ – Lam Can-zhao, China

Synopsis
The day before Chinese New Year, Mr. Monkey chopped the wood, lit-up the fire, cooked the food as if nothing was gonna happen; Eventually, nothing ever happened.

The Day Before Chinese New Year, 23’ – Lam Can-zhao, Cina

Sinossi
Il giorno prima del capodanno cinese il sig. Monkey ha tagliato la legna, acceso il fuoco, cucinato come se niente fosse dovuto accadere. Alla fine, nulla è mai accaduto.

 

Opening concert of the Whakapapa Film Festival

Thursday, July 5 2018 at 21.00 – Irsina, Centro Storico 

‘The Secular Gospel’ of Fabrizio De Andrè – Storytelling show and music by – Guido Maria Grillo

“The Secular Gospel of Fabrizio De Andrè” is a narration and music show that debuted in Parma in December 2017 for the MAPA project, receiving the contribution of MiBACT-Directorate General for Contemporary Art and Architecture and Urban Outskirts in collaboration with the MIUR and which arrives for the first time in Basilicata.

Guido Maria Grillo is an exponent of the emerging music scene in Italy. He has opened concerts by Rufus Wainwright (the only Italian date, November 2015), Avion Travel, Marlene Kuntz, Nude Music, Paolo Jannacci, Levante, Niccolò Fabi and others. From 2013 on tour with Paolo Benvegnù, Cristiano Godano (Marlene Kuntz) and Giancarlo Onorato. In November 2011 he was guest at the Tenco Prize, at the Ariston Theater in Sanremo, for the presentation of the compilation dedicated to Luigi Tenco “On the lips of another. Like flowers in the sea vol.2 “(Club Tenco / Lilium Produzioni).

He has released two albums, an Ep, a single with distribution Warner Music and has hundreds of concerts.

Graduated in Philosophy with a thesis entitled “Political struggle and religious sentiment in the Good News by Fabrizio De Andrè”, he studied the thought and life of the Genoese artist, making shows and seminars about him. In particular, he deepened the work “La Buona Novella”, published in 1970: a story of Christ, freely taken from the apocryphal Gospels, as the greatest revolutionary man has ever known. The work aroused amazement and protest because published in “hot” years, those immediately following the “sixty-eight”, and was not understood, considered out of time and place.

De Andrè, an atheist but moved by a profound pietas towards the latter, intended to provide the rebels of his time with a universal model of revolution, realized in view of equality between men and social justice. It was not understood.

Official page https://www.facebook.com/guidomariagrillo/

Official website www.guidomariagrillo.com

 

The Italian and Maori Director presentation.

6  Luglio  – 22.30  

Sala  Arenacea 

 

The  Lucano  director  Nicola  Ragone  presents  and  shows  two  of  his  latest  works:

Urli  e  Risvegli,  46  min;  

Marciapiedi,  4  min  

 

Short  biofilmography  of  Nicola  Ragone:  

Screenwriter,  theater  director  and  film  director,  Nicola  Ragone  graduated  in  Literature  and  

Philosophy  at  the  University  “La  Sapienza”  of  Rome.  He  trained  at  the  “Cineteatro”  of  Rome, attending  courses in Direction  and  Film  Writing,  Direction  of  film  and  Theater  Director.  

In  those  years  with  other  collaborators  he  founded  the  “Fullframe”  cultural  workshop  and also  collaborated  with  the  theatrical  movement  “Minimo  Comune  Teatro”.  He  collaborated  with  the  teacher  Ettore  Scola  in  his  latest  film  “Che  strano  chiamarsi  Federico”  and  in  his  latest  production  in  the  opera  house  “La  Boheme”.  

He  has  directed  several  short  films  including:  

Oltreluomo   2011,  

Sonderkommando-2014, with which he wont the Nastro d’Argento 2015,

Urli  e  Risvegli    2016.  

http://www.nicolaragone.it

7 Luglio – 21.00 – Sala Arenacea

A look at Maori cinema: the director Renae Maihi presents her works

Butterfly – 15’

Mannahatta 15’

Ka Puta Ko Au 11’

Waru – 88’ 

 

Short biofilmography of Renae Maihi 

After completing a drama course in 2005 she went on to write her debut play NGA MANURERE, starring Keisha Castle-Hughes. NZ Herald Best of 2009 favoured NGA MANURERE as the “surprise jewel of the year”.

The short film REDEMPTION, which she co-wrote with Tim Balme & Katie Wolfe, travelled to Berlin Film Festival, Sundance & won the Best Short Film at Toronto’s Imaginative Film Festival 2010. Renae then went on to write & direct her NZFC funded, award-winning short film BUTTERFLY (PUREREHUA) which screened at international film festivals including Toronto’s imagineNATIVE.

Breve biografia di Renae Maihi

Dopo aver completato una corsa in recitazione nel 2005, ha continuato a scrivere il suo debutto NGA MANURERE, con Keisha Castle-Hughes e con cui nel 2009 ha vinto il titolo di “gioiello e sorpresa dell’anno”.

Il cortometraggio REDEMPTION, che ha co-sceneggiato con Tim Balme e Katie Wolfe, è andato al Festival del cinema di Berlino, al Sundance e ha vinto il miglior cortometraggio all’Imaginative Film Festival di Toronto 2010. Renae ha poi continuato a scrivere e dirigere il suo premio NZFC con il cortometraggio BUTTERFLY (PUREREHUA) che è stato proiettato in festival internazionali, tra cui l’ImmagineNATIVE di Toronto.

 

7 Luglio – 23.30 – Piazzale Nugent

ILLACHIME

(post rock, jazz, contemporary, Napoli)

Messa in scena per la prima volta all’Asilo Filangieri di Napoli nel maggio del 2017 (la si trova qui), la sonorizzazione dal vivo di È Piccerella di Elvira Notari (1921) è innanzitutto un omaggio alla prima regista cinematografica italiana e una delle prime della storia del cinema mondiale. Nata a Salerno ma partenopea di adozione, la Notari scelse come set privilegiato delle sue storie la Napoli popolare. In particolare, la protagonista di questo film è una variante della femme fatale: Margaretella è desiderosa di sfuggire alla domesticità, e neutralizza le pastoie monogamiche tenendosi due amanti ed esibendo una sessualità esplosiva.

Illachime Quartet è un ensemble strumentale fondato nel 2002 a Napoli, che si muove in territori trasversali tra post rock e elettronica, jazz, impro e musica contemporanea. La band ha all’attivo tre album e prestigiose collaborazioni con musicisti italiani e internazionali, come Mark Stewart, Rhys Chatham, Graham Lewis, Schneider TM, Philippe Petit, Salvatore Bonafede. Numerosi sono stati gli articoli entusiastici pubblicati nel corso degli anni sulla stampa nazionale ed estera. Inoltre Illachime Quartet è presente con articoli e interviste in due recenti volumi che ripercorrono la storia delle musiche altre in Italia degli ultimi cinquant’anni: Solchi Sperimentali Italia e Rock progressivo italiano.

www.illachime.net

https://www.youtube.com/user/illachime

https://soundcloud.com/illachime

https://www.facebook.com/illachime/

La formazione attualmente prevista per la sonorizzazione è in trio: Gianluca Paladino: chitarra elettrica
Fabrizio Elvetico: piano e elettronica
Ivano Cipolletta: batteria

 

8 Luglio – 23.30 – Sala Arenacea

LA FATICA DELLE MANI
Omaggio a Vittorio De Seta

Autore ombroso e difficile perché moralmente diverso, quasi un protestante in un ambiente vischiosamente cattolico, Vittorio De Seta ha girato poche cose, sull’arco di molti anni. Un antropologo che si esprimeva con la voce di un poeta, raccontando la cultura ancestrale dell’Italia del sud che volgeva alla sua fine. Un tempo in cui la luce del giorno era preziosa e le notti completamente buie e misteriose. Erano i figli di Prometeo, che aveva rubato il fuoco agli dei per donarlo ai mortali, e per questo erano stati puniti. Gente che cercava la redenzione attraverso il lavoro manuale: nelle viscere della terra, in mare aperto, tagliando il grano. Gente che sembrava pregare attraverso la fatica delle mani. Kerlox Dynamic 4 attinge da vari linguaggi musicali dove i musicisti esaltano la loro poliedricità espressiva in un affiatato sound delicato e profondo, senza la retorica del passato e senza filtri sulla contaminazione. Kerlox Dynamic 4 ha partecipato a festival e rassegne musicali come il M.I.A.in Portogallo (2015), le Geografie del suono all’Asilo Filangeri di Napoli (2017), il Clockstop a Noci(2015), il Free Flow Fest Irsina dal 2014 al 2017.
Kerlox Dynamic 4 propone la sonorizzazione dal vivo dei seguenti cortometraggi :

– Isole di fuoco – 09:02 (1954 )
– Lu tempi de li pisci spata – 10:04 (1954 )
– I dimenticati – 16:56 (1959 )
– Parabola d’oro – 09:39 (1955 )

Kerlox Dynamic 4
Carlo Mascolo                
trombone, oggetti sonori
Domenico Saccente    
fisarmonica, tastiere
Domenico Acquaviva basso elettrico, cupa cupa bassa
Felice Furioso              
batteria, cupa cupa

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



  • Drop files here or